Thursday, May 28, 2020
Home News Tassa sulla pesca sportiva in mare: ecco cosa è successo

Tassa sulla pesca sportiva in mare: ecco cosa è successo

Il giorno 30 ottobre è impazzata su tutti i social la notizia di una nuova guerra da combattere. In realtà, si tratta di una ricomparsa poiché la nostra pagina FB ha trattato più volte questo argomento negli ultimi anni: la tassa sulla pesca sportiva in mare. La nostra community è stata tra le prime a dare la notizia, tempo poche ore e tutti erano aggiornati circa questa situazione. Infatti tutto questo clamore è stato garantito grazie agli articoli di tutti i maggiori quotidiani nazionali. Per vedere cosa prevedeva questo balzello, sono andato personalmente sul sito della Camera per leggere la bozza di questa porzione di Manovra economica. Si tratta della stessa soluzione adottata dal PD, pertanto si parlava di una tassa tra i 10 e 100 euro in base alla tecnica praticata. La differenza stava nella divisione degli introiti:

  1. la parte per la pesca professionale è stata eliminata.
  2. il 20% era destinato agli Organi di Controllo, la restante parte alla ricerca e alla promozione della pesca sportiva ( il 50% ciascuno).

Appunto “stava” perché dopo neanche un giorno accade l’impensabile. Il Sole 24 Ore avverte che questa porzione della Manovra è stata eliminata in extremis e pertanto non sarà prevista per il 2019. In pratica gli articoli che prevedevano questa tassa sono stati del tutto eliminati. 

La domanda che a tutti è nata spontanea è stata: potrebbe ritornare? La risposta purtroppo è sì. Informandoci da un giurista, ci ha spiegato che in fase di discussione alle Camere, nei prossimi mesi, c’è il rischio che venga reintrodotta. Naturalmente dovrebbe essere un ripensamento dello stesso Governo, azione comunque di difficile realizzazione poiché non darebbe un’idea di stabilità. Comunque la certezza l’avremo circa intorno a metà dicembre, giorni in cui il testo della Legge dovrebbe essere definitivo e non dovrebbe più lasciare alcun dubbio. 

Quindi, nelle prossime settimane rimarrò in allerta per eventuali nuovi aggiornamenti. Per ulteriori informazioni rimango a disposizione via mail: lapescainmare12@gmail.com.

Andrea De Nigris
Ingegnere energetico amante del mare con la forte passione per la pesca e la sostenibilità. Incomincia a pescare all'età di 5 anni sulle coste nel nord Salento. Prima con la canna fissa, poi pesca subacquea e dopo la maggior età pratica la pesca a fondo, lo spinning e la pesca dalla scogliera. Il 12 marzo 2015 fonda la pagina Facebook "La pesca in mare". Nel 2016 fa partire la serie di eventi "A pesca di immondizia Italia".
- Advertisment -

più letti

La pesca sportiva e ricreativa è pronta a ripartire

L'8 aprile scorso FIPSAS e FIOPS hanno dichiarato congiuntamente attraverso le loro pagine Facebook di voler riaprire la pesca sportiva e ricreativa nella fase...

La lettera FIPSAS a Conte e ai Ministri per la riapertura della pesca sportiva e ricreativa

Di seguito pubblico la lettera a firma del Presidente Mattioli indirizzata al Presidente dei Ministri, avv. Giuseppe Conte, al Ministro delle Politiche Agricole e...

La bufala della pesca fermata per sei mesi

Un po' in tutti i gruppi e in diversi profili personali notiamo che si sta diffondendo la notizia che la pesca sportiva e ricreativa...

La lettera FIPSAS ai Governatori delle Regioni per la riapertura della pesca sportiva e ricreativa

Questa mattina ho pubblicato un resoconto dei fatti accaduti nelle ultime 48 ore. Nell'articolo (potete leggerlo cliccando qui) informavo tutti voi della news riguardante il...