Matteoli (FIPSAS) sul caso Volpi: “è un’indecenza!”. Ma a Livorno spunta un nuovo episodio

5190
Foto tratta da "Il Tirreno"

Dopo poche settimane torna sul banco il caso Marco Volpi e la pescata di 48 chilogrammi di orate assieme al figlio. Infatti domenica 13 dicembre è comparsa su “Il Tirreno” una intervista sull’accaduto al Presidente della FIPSAS, Claudio Matteoli.

Matteoli parlando al giornale toscano non utilizza mezze parole. Secondo il Presidente si tratta di una vera e propria “indecenza in quanto certi episodi vengono disapprovati con fermezza dalla Federazione“.

Il Presidente chiarisce che la Federazione può decidere su una futura convocazione con la Nazionale ma ora la palla è passata alla procura federale.

Il campione toscano nella giornata di martedì 15 dicembre ha raccolto il supporto dell’onorevole Romano (PD) secondo cui è sbagliato vietare le gare a Volpi dato il suo lungo trascorso con la Nazionale Italiana e tutti i trofei vinti.

Ma purtroppo a Livorno spunta un nuovo episodio. Un bancario è stato multato per una pescata di 40 chilogrammi. In realtà si deduce dalla foto che il peso è stimano al ribasso. Anche per lui è arrivata una multa di 4.000 euro.

Detto ciò credo sia doveroso porsi una domanda: “In una momento delicato come quello del montone dove il pesce in riproduzione è affamato e inerme, cosa c’è di etico e sportivo nel pescare un quantitativo così elevato di orate ?“. Ognuno di noi faccia una doverosa riflessione.

Fonte foto anteprima articolo e informazioni: Il Tirreno.

Foto tratta da “Il Tirreno”